P.IVA 03435060961  -  ITALYmaker social    
 
SEI IN: Ignora collegamenti di navigazione > Home page > Servizi > Filamenti e Resine > Come vengono testati i filamenti

TEST ITALYmaker su filamenti per stampa



Tutti i filamenti che ITALYmaker commercializza sono stati testati in maniera approfondita, come abbiamo testato anche altri produttori italiani che - purtroppo - non hanno passato gli stessi test.
Se vi chiedete perchè vendiamo FormFutura Holland, è semplicemente perchè quando siamo nati non esistevano produttori di filamenti in Italia.

Oggi esistono molti negozi in Italia, e siti online dove reperire i filamenti. Ma quando siamo nati noi, non c'era nulla e se qualcuno comprava una stampante Made in Italy pretendeva di sapere che filamenti usare. Da questa responsabilità è nato un metodo di lavoro che ancora oggi applichiamo.

Normalmente i test ITALYmaker riguardano:

- La composizione chimica del filamento
- Certificazioni e rispetto delle normative (FDA, REI, ecc.)
- La costante di sezione
- La costante di stampa
- La resa materica - colore, compattezza, luminosità
- La resa meccanica - resistenza
- La qualità di post produzione, cioè la possibilità di rifinire il pezzo stampato


Infine particolare attenzione viene data a:

- Facilità di utilizzo, difficoltà del filamento a spezzarsi o annodarsi prima di venire elaborato
- Comodità di srotolamento, stabilità della bobina
- Packaging e soluzioni atte alla conservazione (se presenti)


State pur certi che se decidiamo di commercializzare un Marchio, lo facciamo dopo aver testato i loro filamenti su tutte le macchine Made in Italy che abbiamo.
I primi test vengono effettuati con estrusori con canale in TPFE e ugelli fini (0.4)
Successivamente si passa ad estrusori All Metal e a punte più grandi.
I risultati vengono pubblicati su Twitter se sono positivi, e purtroppo comunicati al produttore se sono negativi.